BARBARA PETRINI

SINDACO

I CANDIDATI

BARBARA PETRINI

Avvocato

Si propone come candidato sindaco della lista Intesa Civica per le elezioni amministrative del prossimo 26 maggio.
È cresciuta a Cucciago dove ha frequentato le scuole elementari e medie; si è diplomata presso il Collegio Arcivescovile De Amicis di Cantù in ragioneria con indirizzo programmatore. Ha continuato gli studi presso l’Università dell’Insubria di Como e, nel marzo del 2000, ha conseguito la laurea in giurisprudenza.
Iscritta presso l’Ordine degli Avvocati di Como, dall’anno 2009 ha aperto il proprio studio legale a Cantù insieme ad una collega, ove esercita la professione di avvocato occupandosi prevalentemente di diritto civile – in ambito di diritti patrimoniali, personali, famigliari, diritto minorile – e diritto penale. È iscritta nelle liste del patrocinio a spese dello Stato.
Dal 2011 fa parte dell’Associazione Culturale Luigi Padovese ed attualmente ricopre la carica di vicepresidente. È sposata ed ha un bambino di 9 anni, Francesco.
Fino a marzo 2019 ha collaborato con la Parrocchia di Cucciago ricoprendo il ruolo di consigliere per gli Affari Economici. Dal 2004 al 2009 ha ricoperto il ruolo di consigliere comunale per la formazione civica Cucciago Futura.

DANIELE SALAMONI

Architetto

Vive a Cucciago dove è cresciuto; sposato con Ilaria è padre di due bambini. Laureato al Politecnico di Milano dove ha conseguito anche un master in Analisi e gestione del patrimonio paesistico; dal 2009 è iscritto all’Architect Registration Board nel Regno Unito dove ha vissuto e lavorato. Attualmente è amministratore di un’azienda che produce disegni e quadri per la stampa di tessuti per le maggiori firme della moda. Dal 2004 fa parte della redazione di “Canturium”, trimestrale di storia, arte e ambiente del Canturino e del Comasco. Nel 2004 si è candidato consigliere comunale per la formazione civica Nuovi Argomenti.

MARCO BORGHI

Ingegnere

Cresciuto a Cucciago dove abita, svolge la professione di ingegnere. Laureato al Politecnico di Milano in Ingegneria energetica, specializzato nel settore antincendio, nel 2013 ha ottenuto l’abilitazione all’esercizio della professione dall’Ordine degli Ingegneri del Canton Ticino. Attualmente è capoprogetto presso uno studio di ingegneria a Bellinzona nel settore termotecnico.

Lisa Broggi

Geometra

da quasi vent’anni è residente a Cucciago con la sua famiglia. Si occupa di amministrazione di condominio presso uno studio tecnico di Cantù. Nel 2010, insieme ad altre mamme, ha fondato l’Associazione “SOS Genitori” che sostiene diversi progetti scolastici e organizza momenti ricreativi ed educativi per i bambini. Inoltre, in collaborazione con una libreria di Cantù, promuove la lettura in vari ambiti scolastici attraverso laboratori didattici. Dal 2010 è attiva come catechista della Parrocchia di Cucciago.

Cristina Bulgari

Dottoressa in Scienze dell'Educazione

Abita a Cucciago dove è nata. Nel 2016 si è laureata in Scienze dell’educazione presso l’Università degli Studi di Milano Bicocca. Durante il corso universitario ha lavorato presso il micronido di Cucciago. Ha lavorato come educatrice prima presso una casa alloggio per persone affette da HIV/AIDS e poi presso una comunità per minori in difficoltà. Attualmente lavora presso una Cooperativa sociale di Como. Sempre come educatrice è impegnata in diverse attività di sostegno a persone diversamente abili.

MONICA CAPPELLETTI

Studentessa

Vive a Cucciago dove è stata impegnata attivamente nella vita dell’Oratorio. Diplomata all’Istituto tecnico Jean Monnet di Mariano Comense, attualmente frequenta il terzo anno della facoltà di Economia e management presso l’Università degli Studi dell’Insubria di Varese.

TIZIANO CASARTELLI

Architetto

È nato a Cucciago, dove vive con la famiglia. Laureato presso il Politecnico di Milano, studioso del territorio brianteo, è autore di numerose pubblicazioni dedicate alle trasformazioni del paesaggio, all’architettura rurale e alla storia del design. Ha curato una serie di mostre di arte e design, l’ultima delle quali per la Triennale di Milano. Nel 2004 ha fondato Canturium, trimestrale di storia, arte e ambiente del Canturino e del Comasco, che dirige. Collabora con le pagine culturali del quotidiano La Provincia. Dal 2004 al 2009 ha ricoperto il ruolo di Consigliere comunale per la formazione Nuovi Argomenti.

MAURIZIO CUSINI

Commerciante

Nato e cresciuto a Cucciago dove vive con la famiglia è commerciante al dettaglio. Da molti anni è impegnato politicamente e da dieci anni è capogruppo della Lista Civica Un’idea per Cucciago. Attualmente è Consigliere comunale di minoranza per la lista civica Un’idea per Cucciago e membro della Commissione Bilancio. Da sempre impegnato per la collettività, è presidente dell’Associazione culturale “Tre Camini” oltreché segretario e componente del consiglio direttivo del Motoclub di Cucciago.

FEDERICA FRATE

Dottoressa in Psicologia

Residente a Cucciago, nel 2018 si è laureata in Psicologia dello sviluppo presso l’Università degli Studi di Milano Bicocca. Attualmente è tirocinante presso il Centro di Riabilitazione del Presidio Ospedaliero Valduce di “Villa Beretta” a Costa Masnaga. Dal 2011 presta servizio come volontaria nella Croce Rossa del Comitato locale di Cantù, svolgendo principalmente attività di soccorso in emergenza e di clownerie per soggetti vulnerabili.

FRANCO FRATE

Geometra

Vive da sempre a Cucciago, sposato con Emanuela è padre di due ragazze. Geometra, è stato per 40 anni dipendente del Comune di Cucciago e responsabile dell’Ufficio tecnico comunale, dove ha maturato una dettagliata conoscenza del paese e del suo territorio, oltreché della normativa e dell’assetto amministrativo comunale.

VERONICA MASPERO

Geometra

Cresciuta a Cucciago, è sposata con Luca e mamma di due bambine. Diplomata geometra, attualmente lavora presso un’impresa di Mendrisio che opera nel settore edilizio. Precedentemente è stata direttrice di cinema multisala oltreché impiegata in un’agenzia assicurativa. Dal 1999 al 2004 ha fatto parte della Commissione Edilizia del Comune di Cucciago. Nel 2004 si è candidata con la formazione civica Nuovi Argomenti.

ALBERTO PELLIZZONI

Tecnico Elettronico

Vive a Cucciago dove è cresciuto e si è formato, sposato con Anna è padre di due ragazzi. Dopo aver lavorato per anni come tecnico elettronico per un’azienda di Cantù, dal 2002 gestisce un negozio di elettronica e telefonia a Senna Comasco. Attualmente è consigliere comunale di minoranza per la lista civica Un’idea per Cucciago. È appassionato di motori e attività all’aria aperta.

PIERLUIGI ROSSETTI

Avvocato

Nato a Milano, abita a Cucciago dove è cresciuto. Laureato in Giurisprudenza presso l’Università dell’Insubria di Como, attualmente svolge la professione di avvocato presso il proprio studio legale a Como dove si occupa principalmente di pratiche di diritto civile, di volontaria giurisdizione e diritto penale. Dal 2009 al 2014 ha ricoperto il ruolo di Consigliere comunale per la formazione civica Un’Idea per Cucciago.

IL PROGRAMMA

“affinché ritorni ad essere, ogni giorno, il cuore vitale del paese”

Diventa indispensabile valorizzare il centro storico, le sue corti e le sue vie, affinché ritorni ad essere, ogni giorno, il cuore vitale del paese. Si dovrà pertanto favorire il reinserimento di nuove attività commerciali, laboratori artigianali e locali pubblici attraverso sgravi fiscali e agevolazioni di pertinenza comunale.
Intesa Civica si impegnerà inoltre nel recupero di immobili da trasformare in luoghi di servizio per persone diversamente abili, per anziani con difficoltà cognitive o fisiche e di persone in situazioni di abbandono, attraverso un progetto che favorirà anche la creazione di nuovi posti di lavoro.
Dovrà aumentare la possibilità di fruizione del nucleo storico attraverso la formazione o l’individuazione di un maggior numero di posti auto a rotazione e la valorizzazione dell’ambito del Santuario della Madonna della Neve con il suo sagrato e le corti attigue. Rilanciare il centro significa arricchire il paese, restituendo nuovo valore all’intero Comune. Con lo stesso principio verrà data grande attenzione ai progetti di recupero delle aree produttive dismesse. Oltre a ridare vita a comparti inutilizzati o abbandonati, come ad esempio l’ex CRAE, la loro riqualificazione contribuirà a eliminare situazioni di pericolo e di degrado ambientale.
Intesa Civica considera lo sport un valore primario per la comunità, per questo motivo considera il Palasport Pianella una realtà in fase di cambiamento con cui sarà necessario confrontarsi in modo serio e costruttivo: crede nel progetto di un nuovo impianto sportivo che nel ridare valore e identità all’area di sua pertinenza presti anche la massima attenzione all’intero ambito urbano.

“alleggerire il traffico di attraversamento del nostro Comune”

Tema cruciale del programma amministrativo di Intesa Civica sarà la viabilità. È difatti indispensabile alleggerire il traffico di attraversamento del nostro Comune lungo le vie Stazione, Umberto I, Cantù, Navedano e Montina. Riteniamo sia possibile migliorare le condizioni della viabilità e della sicurezza dei cittadini senza dover necessariamente ricorrere a nuovi tracciati stradali; agevolando il transito dei veicoli, eliminando le cause degli ingorghi e, se necessario, ricorrendo anche a sovrappassi pedonali, che garantiscano una maggior sicurezza nell’attraversamento.
Nel generale discorso della viabilità non si può trascurare il trasporto pubblico il cui potenziamento sarà definito con le Aziende di trasporto, allo scopo di consolidare i collegamenti con Cantù, Como e Milano.
Non si trascurerà il miglioramento delle condizioni della stazione ferroviaria di Cucciago e una maggior attenzione al confort e alla comodità dei viaggiatori. Importante in questo ambito è rendere più agevole il collegamento tra la stazione ferroviaria di Cucciago con il centro del paese: per questo Intesa Civica intende realizzare, insieme a un marciapiede, una pista ciclabile lungo via Stazione, favorendo un progetto generale che preveda anche la riqualificazione del parcheggio esistente. Saranno anche previsti collegamenti pubblici adeguati con la nuova localizzazione della residenza sanitaria, RSA.
Altresì Intesa Civica intende adoperarsi per realizzare una pista ciclo-pedonale lungo via Navedano che permetterà ai cittadini di godere in sicurezza e tranquillità quell’area di assoluto valore paesistico.

“la piazza trasforma e rende grande una comunità”

Cuore di ogni città o di ogni paese, la piazza trasforma e rende grande una comunità. È qui, più che altrove, che bellezza e vita civile si incontrano; è qui che si sviluppa e si approfondisce ogni valore civile.
Cucciago necessita di una piazza libera dal traffico, dove sia possibile passeggiare, discutere, incontrarsi. Una piazza attraverso la quale ciascuno possa ritrovare la propria identità.
Particolare attenzione sarà riservata al decoro urbano, ossia alla cura, alla salvaguardia e alla qualificazione estetica e funzionale dell’ambiente costruito, assicurando adeguati livelli qualitativi che garantiscano la piena fruibilità dello stesso da parte dei cittadini.

“valorizzare e riutilizzare il patrimonio edilizio esistente”

Lo sviluppo del paese dovrà avere luogo all’interno delle aree già urbanizzate, limitando l’ulteriore consumo di suolo, senza per questo ostacolare lo sviluppo economico e la crescita del benessere sociale. Ogni attenzione sarà riservata al recupero del costruito con lo scopo di valorizzare e riutilizzare il patrimonio edilizio esistente.
L’uso del territorio deve in ogni modo consentire la conservazione e, laddove è possibile, la riproduzione delle risorse naturali. Pertanto ogni nuovo progetto di medie e grandi dimensioni, pubblico o privato, dovrà essere valutato nei suoi effetti ambientali e paesistici.

“l’ambiente nel quale viviamo appartiene alle generazioni future”

È soprattutto necessario riconoscere che l’ambiente nel quale viviamo non è un nostro esclusivo appannaggio: appartiene bensì alle generazioni future verso le quali abbiamo il dovere di preservarlo e di migliorarlo, adottando nuove e più sostenibili consuetudini. L’erogazione automatica di acqua potabile, attraverso distributori localizzati in uno o più luoghi pubblici, avrà il merito di diminuire il consumo di plastica in quantitativi che saranno proporzionali alla sensibilità generale, offrendo contemporaneamente un comodo e prezioso servizio.
Con gli stessi principi verrà favorito il mantenimento, la cura e la pulizia del bosco e del sottobosco, di cui alcune aree del territorio comunale sono ancora ricoperte. Dopo la mappatura generale delle aree verdi del Comune, saranno tracciati o ripristinati i percorsi ciclo-pedonali negli ambiti interessati, luoghi di rilevante importanza per la popolazione che può ancora avvalersi di un’ambiente di pregio. Il coinvolgimento dei proprietari e delle associazioni locali, che a vario titolo hanno a cuore l’ambiente, sarà determinante per riscoprire un nuovo modo di vivere il bosco, contribuendo in questo modo alla sua tutela e alla sua valorizzazione.

“prevenzione e di controllo del degrado urbano”

Il controllo del territorio comunale è affidato alle autorità preposte dotate di personale specializzato, mezzi e risorse adeguate, ma le politiche per la sicurezza richiedono anche appropriati sistemi di sorveglianza localizzati nei punti di accesso del paese e nei luoghi di più alta criticità. Oltre al potenziamento di questa rete di controllo Intesa Civica intende definire una più stretta collaborazione tra le Forze dell’Ordine, tale da garantire una loro maggior presenza e una costante sorveglianza dell’ambito comunale.
Senza dimenticare che il tema della sicurezza è strettamente collegato anche alle scelte urbanistiche, intese come strumento di prevenzione e di controllo del degrado urbano. Intesa Civica si impegnerà a contrastare ogni forma di illegalità con ogni mezzo a disposizione per eliminare la piaga dello spaccio di droghe che ultimamente sta interessando il nostro territorio.

“garantire il miglior livello di istruzione per i nostri ragazzi”

La scuola è patrimonio della nostra comunità, è essa stessa comunità e deve essere sostenuta nei progetti formativi al fine di garantire il miglior livello di istruzione per i nostri ragazzi.
Sostenere la scuola significa fornire alle nuove generazioni gli strumenti per svolgere nella società un ruolo pienamente consapevole, contrassegnato dal rispetto, dall’assunzione di responsabilità e da uno spiccato senso civico.
Sotto questo aspetto diventa importante mantenere vivo un rapporto di dialogo e di scambio fra Scuola e Istituzioni.
Porre attenzione alle esigenze della Scuola e delle famiglie, significa conoscerne le criticità, approfondirle ed adoperarsi per trovare soluzioni concrete che contemperino le esigenze di tutte le parti. Partendo da questo presupposto Intesa Civica assumerà un ruolo dinamico nel consolidamento dei legami tra la Scuola e la Comunità civile. Farà in modo di rispondere alle richieste da parte delle famiglie di adeguare i tempi del lavoro con i tempi della scuola; accompagnerà i genitori nel percorso educativo e scolastico, attraverso un loro maggiore coinvolgimento nelle attività didattiche.
Riteniamo significativo proporre momenti educativi e creativi a contatto con la comunità con uscite alla scoperta del nostro territorio e delle attività artigianali e produttive, recuperando usi e costumi che nel corso del tempo sono stati trascurati.
Determinante sarà individuare nuovi luoghi di aggregazione per i giovani, ove possano esprimersi liberamente, confrontarsi, crescere, vivere il proprio paese.
A vantaggio della scuola secondaria di primo grado, Intesa Civica si propone di reperire nuovi spazi da destinare a laboratori didattici multidisciplinari, che consentano ai nostri ragazzi di affrontare lo studio delle materie di insegnamento in modo curioso, libero e stimolante: laboratori di scienze, di matematica, di italiano e di lingue straniere.
Lo studio è un diritto che va agevolato e incoraggiato, Intesa Civica propone di creare all’interno del centro storico aule di studio a servizio degli studenti e di quelle persone che necessitano di un luogo tranquillo, moderno e con connessione internet, con orari di apertura ampi e flessibili.
L’istruzione moderna, efficiente e funzionale non può trascurare gli edifici scolastici, per questo Intesa Civica si pone l’obiettivo di verificare la condizione di ogni singolo edificio, verificandone funzionalità, sicurezza e intervenendo per risolverne le problematiche.
Lo sport è uno strumento educativo per i ragazzi e dovrebbe essere una valida attività extrascolastica. Legato a quest’ultimo aspetto diventerà importante riqualificare anche i luoghi già dedicati alle attività sportive per una loro maggiore fruibilità; le associazioni sportive presenti nel territorio verranno invitate a collaborare per progetti extrascolastici.
Ognuna di queste idee sarà portata all’attenzione della dirigenza scolastica, del Collegio Docenti e del Consiglio d’Istituto, con i quali stabilire un dialogo costruttivo e un rapporto di collaborazione nell’interesse della nostra scuola, bene e risorsa per Cucciago.

“la piazza trasforma e rende grande una comunità”

Cuore di ogni città o di ogni paese, la piazza trasforma e rende grande una comunità. È qui, più che altrove, che bellezza e vita civile si incontrano; è qui che si sviluppa e si approfondisce ogni valore civile.
Cucciago necessita di una piazza libera dal traffico, dove sia possibile passeggiare, discutere, incontrarsi. Una piazza attraverso la quale ciascuno possa ritrovare la propria identità.
Particolare attenzione sarà riservata al decoro urbano, ossia alla cura, alla salvaguardia e alla qualificazione estetica e funzionale dell’ambiente costruito, assicurando adeguati livelli qualitativi che garantiscano la piena fruibilità dello stesso da parte dei cittadini.

“contrastare il senso di solitudine ed abbandono che le fasce deboli ed in difficoltà costantemente percepiscono”

La tutela della famiglia, il diritto all’istruzione e la protezione delle fasce più deboli della società sono gli elementi imprescindibili per valutare la crescita di una comunità e rappresentano, pertanto, obiettivi fondamentali del programma di Intesa Civica. Si rivolgerà attenzione ai bisogni dei singoli, rinnovando e potenziando i servizi già esistenti. Utile a questo scopo l’istituzione di uno sportello pubblico che individui e garantisca personale adeguato all’assistenza domiciliare.
Intesa Civica avrà cura di monitorare la situazione dei cittadini che vivono momenti di disagio famigliare, intervenendo a loro sostegno; ciò al fine di ridurre, per quanto possibile, criticità tali da portare all’emissione di provvedimenti di nauta giudiziaria.
Obiettivo fondamentale per ogni comunità virtuosa è contrastare il senso di solitudine ed abbandono che le fasce deboli ed in difficoltà costantemente percepiscono, Intesa Civica si impegnerà per garantire pasti caldi a chi dovesse averne bisogno, favorendo contemporaneamente momenti di convivialità, condivisione e aiuto.
Intesa Civica si impegnerà a verificare la funzionalità e a potenziare il servizio di assistenza medica ambulatoriale e domiciliare, rivolta prevalentemente alle fasce più deboli, attraverso specifici accordi e convenzioni con enti sovracomunali e associazioni di volontariato.
Nella generale situazione economica il reperimento di un impiego, soprattutto il primo impiego dei giovani, è indubbiamente un’importante problematica sociale; in tale senso Intesa Civica intende operare quale supporto e aiuto con uno sportello pubblico che possa essere di aiuto a chiunque è alla ricerca di un lavoro, con consulenza specifica e interscambio di informazioni tra la domanda e l’offerta di un impiego.
Nella politica sociale il volontariato riveste un ruolo importante per il territorio; è una valida risorsa. Costruire un dialogo con le associazioni che a Cucciago si occupano di famiglie in difficoltà o persone sole, contribuirà a dare vita ad un clima di accoglienza, fiducia ed empatia, realizzando un rapporto aperto di cui beneficeranno specialmente i cittadini più bisognosi.

“operare affinché le aree agricole non siano abbandonate a sé stesse”

Va anche considerato che non inquina o disturba il paesaggio solo l’espansione edilizia ma anche la moderna agricoltura. Se occorre operare affinché le aree agricole non siano abbandonate a sé stesse, divenendo spesso il ricettacolo delle attività produttive, occorre anche verificare che l’agricoltura non sia essa stessa fattore di inquinamento.
Per il conseguimento degli obiettivi che ci prefiggiamo, nei limiti delle competenze comunali, dovranno essere vietati, regolamentati o circoscritti i seguenti interventi:
- l’apertura di nuove cave;
- i depositi di rottami e materiali ferrosi.

PRONTI A CAMBIARE!